04/05/2010 - I piccoli comuni toscani dimostrano di "Voler Bene all'Italia" (tratto da "Greenreport") 

FIRENZE. La Toscana come sempre risponde alla grande alla sollecitazione di Legambiente per la campagna "Voler bene all'Italia", la giornata delle porte aperte nei centri minori organizzata dall'associazione ambientalista con la collaborazione di Coldiretti, Enel e il patrocinio della Regione. Sono 100 i comuni sotto i 5 mila abitanti, suddivisi nelle 10 province, che nel fine settimana del 7-9 maggio saranno in festa promuovendo visite guidate, itinerari naturalistici, assaggi di prodotti tipici, tradizioni culturali.

Ma l'occasione servirà anche per evidenziare le criticità e per salvaguardare il futuro dei piccoli centri e chiedere maggiori risorse e servizi per queste realtà che frequentemente sono penalizzate. Proprio in Toscana a Scansano (Gr) si terrà l'evento clou a livello nazionale. Il giorno 9 Maggio alla presenza del ministro Roberto Maroni, del presidente del Comitato promotore della Piccola Grande Italia Ermete Realacci (Nella foto) e dell'assessore regionale Anna Rita Bramerini si terrà la Conferenza "Piccoli comuni, tra tradizione e innovazione".

«Voler Bene all'Italia- ha sottolineato Realacci- è un vero e proprio "Italian pride" per evidenziare, soprattutto in un momento difficile come quello che stiamo vivendo, che è proprio nella tenuta delle nostre comunità, nella coesione sociale, nell'orgoglio delle nostre radici, della valorizzazione del nostro straordinario patrimonio ambientale e storico culturale, la chiave per affrontare e rispondere positivamente anche alla crisi economica». La giornata del 7 maggio sarà invece dedicata alla scuola ed in particolar modo alla presentazione di un progetto sperimentale di innovazione tecnologica e didattica promosso da Anci ed Uncem insieme con Regione Toscana: "Progetto Errequadro, Scuole in rete e reti scuole" che ha l'obiettivo di favorire, attraverso l'uso di nuove tecnologie, migliori pratiche di insegnamento e apprendimento. Sono state selezionate 8 scuole situate in aree montane ove i temi del disagio didattico sono più forti. In video conferenza dalla Scuola Primaria "A. Vallisneri"di Fabbriche di Vallico ci saranno i rappresentanti dei comuni di Montemignaio, Lamporecchio, Abbadia San Salvatore, Isola del Giglio, Monteverdi, Seggiano, Sarteano che potranno colloquiare con il presidente nazionale di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza. Il giorno 8 maggio invece, nel comune di Vernio si parlerà di dissesto idrogeologico e dei problemi della montagna durante la conferenza "Tutela del territorio e assetto idrogeologico. Le problematicità della montagna e dei piccoli comuni".

«In questi territori, più che altrove, si sono conservate e tramandate le nostre tradizioni enogastronomiche, capaci di richiamare grazie ai loro prodotti visitatori di tutto il mondo, l'agricoltura con i suoi simboli è certamente un motore indispensabile per la sopravvivenza di paesi di piccoli e piccolissime dimensioni - ha dichiarato Piero Baronti, presidente di Legambiente Toscana - 459 prodotti tradizionali, cinquanta le specialità, molte prestigiose dop e igp con un offerta sempre più ampia di servizi. Una costellazione solo apparentemente minore che brilla per la straordinaria varietà naturale e culturale, per l'inestimabile patrimonio ancora poco noto e valorizzato. Il made in Italy da sempre cavalca questa onda ed è proprio grazie ai Piccoli Comuni che può vantare produzioni tipiche locali con un bacino di richiesta estremamente ampio. Le economie che mixano saperi antichi e innovazione tecnologica, cercando di andare incontro all'eco-compatibilità e alle vocazioni dei singoli territori - ha concluso Baronti- sono infatti quelle che si mostrano più avanzate e sostenibili».

Per consultare il programma completo delle manifestazioni previste in Toscana e non solo, consultare il sito www.piccolagrandeitalia.it



Torna agli articoli del giorno