21/03/2006 - DELEGA AMBIENTALE: LO STOP DI CIAMPI 

LEGAMBIENTE TOSCANA SI ASSOCIA A PECORARO SCANIO:
I TOSCANI MATTEOLI E TORTOLI, RISPETTIVAMENTE MINISTRO E SOTTOSEGRETARIO DEL GOVERNO BERLUSCONI, VADANO SUBITO A CASA

"Il Ministro dell'Ambiente, il toscano Altero Matteoli ed il suo sottosegretario, Roberto Tortoli, anche lui toscano, farebbero meglio a dimettersi subito, senza neanche aspettare di essere mandati a casa dagli elettori, vista la pessima figura che hanno fatto con la Legge Delega sull'ambiente - dichiara l'associazione ambientalista - Legambiente Toscana si associa alla richiesta fatta da Pecoraro Scanio e chiede oltre alle dimissioni di Matteoli, anche quelle del sottosegretario Roberto Tortoli di Forza Italia. I cinque anni di Governo Berlusconi sono stati caratterizzati dalla peggiore politica ambientale della storia repubblicana e la legge delega avrebbe significato l'azzeramento della legislazione ambientale in tema di rifiuti, acque, difesa del suolo, parchi ed aree protette, etc., con gravissime conseguenze per la difesa ecologica del territorio.
Col progetto di Legge Delega, il Governo si era proposto come tutore della parte peggiore del paese, quella che non ama né regole né vincoli condivisi.
Tutto questo, nonostante il provvedimento "cucinato" da Matteoli e da Tortoli fosse stato avversato non solo dagli ambientalisti, ma anche da tutte le Regioni dello Stato Italiano e da gran parte delle stesse categorie economiche" - conclude Legambiente Toscana.

Torna ai comunicati stampa