14/08/2006 - SCANSANO, TRADIZIONE E INNOVAZIONE 

DAL PICCOLO COMUNE TOSCANO ARRIVA LA FORMULA VINCENTE
PER UNO SVILUPPO SOSTENIBILE

IN UN INCONTRO PROMOSSO NELL’AMBITO DI FESTAMBIENTE 2006 SI E’ DISCUSSO DI TRADIZIONE, RURALITA’ E FONTI RINNOVABILI

Miscelare tradizione ed innovazione, prodotti tipici e rinnovabili, ecco la formula vincente per rispondere alle sfide della globalizzazione senza dimenticare la propria identità e il rispetto dell’ambiente. La lezione arriva da Scansano, in provincia di Grosseto, patria di uno dei vini più famosi al mondo, il Morellino, un piccolo comune toscano dove la difesa dell’identità e della tradizioni locali si sposa con la ricerca di uno sviluppo compatibile con la difesa dell’ambiente e del territorio. Se ne è parlato oggi presso il Museo Archeologico della Vite e del Vino in un incontro dal titolo “Tradizione, ruralità e rinnovabili: la sfida dei piccoli comuni”, organizzato nell’ambito di Festambiente, il festival internazionale di ecologia in corso a Rispescia fino al 16 agosto e realizzato in collaborazione con il Ministero per le politiche agricole, alimentari e forestali.

Questo piccolo comune toscano si appresta infatti, ad inaugurare un parco eolico, composto da dieci pale che riforniranno di energia pulita circa 50.000 persone, in grado quindi di assicurare un futuro di energia pulita al territorio.

“Scansano è un piccolo comune, da cui parte un segnale importante – ha dichiarato Angelo Gentili, della Segreteria nazionale di Legambiente, presente all’appuntamento insieme al Sindaco di Scansano Marzio Flavio Morini e all’Assessore all’ambiente Lamberto Soldatini - un modello ed un esempio di come si può elaborare una formula vincente e competitiva, in grado di cogliere le sfide della globalizzazione senza dimenticare la propria storia, le proprie tradizione ed il rispetto dell’ambiente e del proprio territorio.Un’altra strada da percorrere è infatti senz’altro quella delle filiere corte, utili per legale i prodotti al territorio ed accrescere il valore aggiunto legato alla tipicità. Potrebbe essere coltivabile il grano tenero per produrre un prodotto legato al terrotorio ”

Ne è un esempio l’avvio di un coraggioso progetto che prevede la realizzazione di dieci pale eoliche che, con un impatto paesaggistico limitato, consentiranno un significativo risparmio di emissioni inquinanti, mentre in prossimità dell'impianto verrà anche realizzato a spese dell'impresa costruttrice un parco didattico per informare soprattutto i ragazzi delle scuole sui temi dell'energia e anche sulle risorse storiche del territorio come l'antica Via Clodia.

“Il piccolo borgo di Scansano – ha proseguito Gentili – è un esempio di come tradizione ed innovazione possano stare insieme ed anzi, siano un connubio vincente che mette insieme la promozione dei proprio prodotti tipici in tutto il mondo e l’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili per portare avanti un modello di sviluppo tutto italiano "

Il comune di Scansano ha annunciato la realizzazione a breve di una nuova scuola, con un tetto piano di 700 mq che sarà ricoperto di pannelli fotovoltaici e di un mini-eolico che rifornirà d’energia l’impianto sportivo comunale e di un impianto di teleriscaldamento per gli uffici comunali”

L’ ufficio stampa di Festambiente
(Cell.349.2588489 )

Torna ai comunicati stampa