05/09/2006 - PRESENTATO IL COMITATO AURELIA SICURA SUBITO 

ITALIA NOSTRA – LEGAMBIENTE – WWF ITALIA

Comunicato stampa Capalbio, 5 settembre 2006

“CORRIDOIO TIRRENICO NORD FUORI DALLA LEGGE OBIETTIVO”

E’ stato presentato oggi il Comitato “Aurelia Sicura Subito”, promosso dai Comuni di Capalbio, Montalto di Castro, Manciano e Cellere, dalle associazioni Italia Nostra, Legambiente, WWF, Movimento Ecologista e Comitato per la Bellezza, dalle organizzazioni agricole Coldiretti e CIA Nazionali e dai comitati locali SAM-Soccorso Ambientale Maremmano e Comitato del Priorato.

Nella sede del Comune di Capalbio sono intervenuti in conferenza stampa, per illustrare i presupposti del Comitato, Lucia Biagi, Sindaco di Capalbio, i Sindaci dei Comuni promotori; Antonio Ferrentino, presidente della Comunità Bassa Val di Susa; Carlo Ripa di Meana, presidente Italia Nostra; Roberto Della Seta, presidente Legambiente; Fulco Pratesi, presidente WWF Italia; Gianni Mattioli, Movimento Ecologista; Vittorio Emiliani, presidente del Comitato per la Bellezza. Numerose adesioni sono giunte dal mondo della cultura, della politica e della società civile.

Il Comitato “Aurelia Sicura Subito” chiede, in un articolato documento, l’immediato intervento per la messa in sicurezza della SS1 Aurelia iniziando dai tratti a maggior rischio di incidentalità tra Grosseto Sud e Civitavecchia (in questa tratta il rischio è doppio rispetto alla media nazionale: 0,87 incidenti a km rispetto a 0,42 incidenti a chilometro che si registrano in media sulle strade statali). Reclama un percorso di garanzia in tre tappe: 1) uno studio di fattibilità economico-finanziaria che raffronti le varie ipotesi attraverso un calcolo costi-benefici (sulla base di credibili valutazioni di sviluppo del traffico) partendo dall’adeguamento in sede della SS1 Aurelia; 2) la presentazione e il confronto pubblico sui risultati dello studio comparato di fattibilità economico-finanziaria; 3) dopo la verifica economico-finanziaria, una procedura autorizzativa di VIA ordinaria su progetti definitivi, al di fuori dalle procedure accelerate e semplificate previste per le infrastrutture strategiche, che comprenda quello dell’adeguamento dell’Aurelia e consenta di esaminare le alternative a minor impatto.

Chiede anche di abbandonare la procedura semplificata per le infrastrutture strategiche che aveva portato la Commissione speciale VIA ad approvare il tracciato autostradale “costiero” lo scorso 31 marzo 2006, senza che si tenesse in alcun conto il parere negativo espresso dall’ufficio V.I.A. della Regione Lazio e le osservazioni puntuali di ambientalisti e comitati e senza che fossero prodotte da SAT SpA tutte le valutazioni comparative del calcolo costi-benefici.

Secondo il Comitato “Aurelia Sicura Subito”, l’unica soluzione valida per efficienza trasportistica e impatto economico, ambientale e territoriale è il progetto definitivo ANAS di adeguamento in sede della SS1 Aurelia a tipologia autostradale da Rosignano a Civitavecchia, (196 Km a 4 corsie + corsie di emergenza, di cui 15 di variante, per un costo di circa 870 milioni di euro, a valori del 2000), frutto dell’accordo del dicembre 2000 tra Ministero dei lavori pubblici, ANAS, Regioni Toscana e Lazio, inserito – previa verifica con la direzione generale Trasporti dell’UE - nel Piano Generale dei Trasporti (approvato dal Consiglio dei Ministri nel marzo 2001), presentato alla procedura di Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) nel giugno 2001 e successivamente bloccato dal governo Berlusconi. Il progetto ANAS può rapidamente essere verificato e approfondito nel rispetto delle normative vigenti.

Al Comitato hanno aderito, tra gli altri: Anna Donati, presidente della Commissione Lavori Pubblici del Senato; Ermete Realacci, presidente della Commissione Ambiente Territorio e Lavori Pubblici della Camera; Franco Bassanini, presidente Astrid; Edo Ronchi, vicepresidente della Commissione Ambiente del Senato; Achille Occhetto, politico e pubblicista; Esterino Montino, membro della Commissione Lavori Pubblici del Senato; Francesco Ferrante, membro della Commissione Ambiente del Senato; Alberto Asor Rosa, docente universitario; Furio Colombo, senatore; Enrico Menduni, docente universitario; Francesco “Pancho” Pardi, docente universitario; Giulia Maria Crespi, presidente FAI; Giacomo Marramao, docente universitario; Monica Cirinnà, vicepresidente Consiglio Comunale di Roma; Sergio Bovicelli, assessore ai Lavori Pubblici della Provincia di Grosseto; Marco Barzanti, Assessore Turismo e promozione della città Comune di Grosseto; Simone Ferretti, Assessore alla Partecipazione Comune di Grosseto; Cecilia Luzzetti, consigliera Parco regionale della Maremma; Rosy Miracolo, assessore all’Urbanistica e all’Ambiente Comune di Sorano; Tania Amarugi, consigliera Comune Grosseto; Salvatore Allocca, senatore; Mario Lupi, capogruppo Verdi in Consiglio Regionale Toscana; Monica Sgherri, capogruppo PRC in Consiglio Regionale Toscana; Vezio De Lucia, urbanista; Paolo Berdini, urbanista; Rossella Sleiter, giornalista; Vincenzo Sparagna, giornalista; la Federazione Toscana dei Verdi e delle Federazioni della Provincia di Grosseto di PRC e del PdCI.

L’ufficio stampa
WWF Italia: Manuel Bertin: 0684497373- Italia Nostra: Valentino Podestà: 0564898856
Legambiente: Alice Scialoja 06 86268399-

Torna ai comunicati stampa