04/05/2007 - VOLER BENE ALL'ITALIA: LEGAMBIENTE E COLDIRETTI 

Legambiente -Enel- Coldiretti

Firenze, 4 maggio 2007 Comunicato Stampa

Tornano a fare festa i mini comuni toscani che, sollecitati da Coldiretti e Legambiente,
brindano all’iniziativa Voler bene all’Italia con un ricco e variopinto mosaico di iniziative.


“Capitale” dell’Italia in miniatura quest’anno è stata eletta Barberino Valdelsa, sede dell’evento centrale della festa nazionale dei piccoli comuni e del convegno a cui partecipa anche il presidente del Senato Franco Marini. Presenza istituzionale di grande rilievo a testimoniare il valore delle numerose piccole realtà territoriali che, con le loro caratteristiche, la loro storia, le loro tradizioni, le loro bellezze fanno grande l’Italia, anche quella in formato mignon. Il messaggio sarà lanciato chiaramente dal piccolo comune fiorentino che, il 6 maggio, per l’intera giornata, sarà inondato di produttori agricoli di Coldiretti, che offrono le loro specialità in degustazione e in vendita, di mostre, musica e dibattiti, e, dunque, diventerà l’emblema di quello che può essere considerato a ragione il polmone capace di restituire ossigeno alla penisola.
Singolare l’iniziativa di Pienza (Si) con un progetto dal titolo “Cinque terre Val d’Orcia” della durata di tre giorni, particolare rilievo ha la manifestazione del 6 maggio che vede la presenza del Ministro Rosy Bindi all’inaugurazione dell’evento alle ore 12 in piazza Pio II.
Si colora di verde il comune di Vaiano (Po) con “due giorni alla scoperta dell’Anpil della Calvana” in cui si cerca di valorizzare i monti della Calvana, le produzioni agroalimentari più significative della vallata e la promozione dell’ippovia della Val di Bisenzio. Tutto ciò si svolgerà alla presenza del Presidente della Regione Toscana Claudio Martini, il quale inaugurerà, in anteprima, la giornata del 5 maggio alle ore 10.30 presso l’agriturismo il Ponticello. La Comunità Montana Montagna Fiorentina propone di passare “un giorno con gli animali dei pascoli” a San Godenzo, un’escursione per vedere da vicino un’esperienza con gli animali e la pratiche del lavoro in fattoria. Grande attivazione del comune di Capalbio (Gr) che accoglie gli ospiti con visite alle oasi naturali, mostre, stands e degustazioni, oltre ad ospitare la conferenza co-organizzata con Legambiente “Conservazione e identità del territorio: la realtà dei piccoli comuni”. Si muove con entusiasmo anche il comune di Sestino (Ar), che per il 6 maggio organizza una tavola rotonda sul tema “Gemelliamo le riserve naturali della Toscana" con presentazione della guida "La Toscana delle Riserve Naturali: Un mondo di biodiversità".

Come ha ribadito il presidente di Coldiretti Toscana Tulio Marcelli, presentando l’iniziativa insieme a Piero Baronti, presidente di Legambiente Toscana, giovedi sera, nell’aperi-cena a base di prodotti tipici che si è tenuto in Mugello. “I piccoli comuni rappresentano un patrimonio inestimabile: sono l’habitat ideale per un’agricoltura di qualità, autentici scrigni ricchi di prodotti che, nel nome, riflettono lo stretto legame con il territorio, e dunque con la cultura, le tradizioni e i saperi locali. Sono realtà che, anche dal punto di vista economico, rappresentano un’occasione di crescita per la nostra regione. Coldiretti è consapevole dell’importanza dell’origine e del valore aggiunto che questa può attribuire a un prodotto. Non a caso infatti, da anni, si sta battendo per un’etichettatura trasparente, con la dichiarazione della provenienza dei prodotti. Proprio per questo ha scelto il 6 maggio, la giornata di Voler bene all’Italia, come un momento strategico per intercettare i consumatori, far conoscere il meglio del made in Tuscany e chiedere loro una firma a sostegno della legge 204, legge contro l’anonimato degli alimenti che finiscono sulle nostre tavole”, ha spiegato Marcelli, evidenziando anche il valore ecologico dei mini-comuni. “Si tratta di enti che coprono una bella fetta del territorio toscano, ma che presentano una bassa densità di popolazione e un livello di inquinamento contenuto. Se a questo aggiungiamo che, in queste realtà, si dà la preferenza al consumo di alimenti a chilometri “0”, si capisce che rappresentano davvero di risorse preziose per contenere lo sviluppo di CO2 e dunque per combattere l’inquinamento”.
“Voler bene all’Italia, la festa nazionale dei piccoli comuni italiani, domenica 6 maggio, avrà due motivi per essere festeggiata – ha dichiarato Piero Baronti, Presidente di Legambiente Toscana - Si festeggerà la PiccolaGrandeItalia, con le sue tradizioni e la sua cultura, con il suo particolare sentiero di sviluppo fatto di benessere e qualità. Ma si potrà anche celebrare finalmente l’approvazione alla Camera della legge Realacci sui piccoli comuni, ideata per la tutela dei nostri piccoli borghi. I piccoli comuni sono i custodi dei saperi produttivi tradizionali che, legandosi all’innovazione tecnologica, permettono di avvicinarsi ad un modello di sviluppo sostenibile basato sulla soft-economy. Da anni Legambiente tenta di risvegliare l’interesse verso questi luoghi ritenuti ad oggi carenti dal lato economico, ma che in realtà nascondono forti potenzialità per l’offerta di artigianato, agricoltura e turismo di qualità”.
Tanti dunque i motivi per partecipare con Coldiretti e Legambiente alla grande kermesse del “piccolo è bello”, che vedrà in prima fila anche amministratori, politici, personaggi del mondo della cultura e dello spettacolo in tutta la Toscana. A partire da Barberino Valdelsa dove presso gli stand di Coldiretti sarà possibile firmare per difendere il made in Italy e per fare una gustosa merenda.

L’ufficio Stampa di Legambiente Toscana 0556810330
L’ufficio Stampa di Coldiretti P.Saviotti 3355775529


Torna ai comunicati stampa