21/09/2007 - PULIAMO IL MONDO IN TOSCANA: EDIZIONE 2007 

Firenze, 21 settembre 2007 Comunicato Stampa

28-29-30 SETTEMBRE
TORNA PULIAMO IL MONDO,
LA TRE GIORNI DI VOLONTARIATO AMBIENTALE
PIÙ PARTECIPATA D'ITALIA!

AD OGGI,SOLO IN TOSCANA, INIZIATIVE ORGANIZZATE IN 188 COMUNI.
LA NOSTRA REGIONE, COME SEMPRE, COLLEZIONA ADESIONI
TRA LE PRINCIPALI INIZIATIVE: PULIAMO IL BUIO
NELL'ANTRO DEL CORCHIA E SINDACI CON LA RAMAZZA A BARGA
ALLA CONFERENZA DEI PICCOLI COMUNI

A BARGA, SAN PIERO A SIEVE E SAN QUIRICO D'ORCIA
LE PRINCIPALI INIZIATIVE, DOVE, IN COLLABORAZIONE
CON COLDIRETTI CHE OFFRE MERENDE OGM-FREE
SARÀ POSSIBILE SOTTOSCRIVERE PER
UN'ITALIA LIBERA DA OGM


Al via Puliamo il Mondo! Torna la quattordicesima edizione promossa da Legambiente e Anci nei giorni 28, 29 e 30 settembre. I ragazzi delle scuole e moltissimi volontari si attiveranno per ripulire dai rifiuti boschi, fiumi, parchi cittadini, bordi delle strade, ecc.
Puliamo il Mondo è l'edizione italiana di Clean Up the World, il più grande appuntamento di volontariato ambientale del mondo. L'iniziativa, portata in Italia da Legambiente, è organizzata con la collaborazione della Rai ed il Patrocinio del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio, del Ministero dell'Istruzione, dell'ANCI e dell'UPI. Dal 1993 Legambiente ha assunto il ruolo di comitato organizzatore in Italia ed è presente su tutto il territorio nazionale grazie all'instancabile lavoro di oltre 1000 gruppi di "volontari dell'ambiente", che organizzano l'iniziativa a livello locale in collaborazione con associazioni, comitati e amministrazioni cittadine.
"La partecipazione attiva di centinaia di cittadini a giornate di volontariato come quella di Puliamo il Mondo è un bel segnale per scuotere le amministrazioni e chiedere una diversa determinazione nell'affrontare questioni importanti, come quella dello smaltimento dei rifiuti”, spiega Ermete Realacci, presidente onorario di Legambiente. "Puliamo il Mondo, la più grande iniziativa di volontariato ambientale del nostro paese, è un'azione simbolica ma estremamente concreta, che ha avuto il merito di recuperare numerosi luoghi al degrado e, allo stesso tempo, di promuovere una nuova attenzione sul territorio”.
Una campagna di pulizia che comunica la necessità e la voglia di riappropriarsi del proprio territorio prendendosene cura, che segna il bisogno della gente di mettersi in relazione per tutelare gli spazi pubblici, prendendo coscienza che oltre a ripulire, si dovrebbe imparare a non sporcare. Puliamo il Mondo è anche l'occasione per mettere sotto la lente d'ingrandimento i problemi legati al degrado ambientale e per costruire insieme nuove soluzioni per il nostro futuro.
Tre le tantissime iniziative organizzate in Toscana, la Rai ne seguirà tre, quelle principali, che si terranno a Barga, a San Piero a Sieve e in Valdorcia. A Barga (LU) il 28, dalle ore 10, i ragazzi delle scuole nella località di Castelvecchio Pascoli, dove si tiene in contemporanea la VII Conferenza Nazionale dei Piccoli Comuni, faranno la raccolta dei rifiuti lungo la strada che porta a casa Pascoli e nel boschetto. Anche i Sindaci dei piccoli comuni parteciperanno a Puliamo il Mondo insieme a Ermete Realacci, alla comunità degli scozzesi, agli alpini e alle scuole.
A San Piero a Sieve (FI) il 29 mattina, Legambiente, in collaborazione con gli alunni delle scuole del Comune di san Piero a Sieve e con i pescatori dell'Unpem e della Fipsas dell'area a regolamento specifico di pesca TWS, organizzerà la pulizia del parco presso il fiume e delle rive. A fine mattinata la Coldiretti offrirà un pranzo OGM-free. “Un mondo pulito, libero da rifiuti, da contaminazioni e da ogm, è il punto di partenza indispensabile per valorizzare il territorio, su cui può crescere una agricoltura di qualità. Coldiretti condivide le motivazioni e partecipa attivamente all’iniziativa con cui Legambiente, ormai da anni, stimola amministratori e cittadini a collaborare per difendere dalla sporcizia e dall’inquinamento l’ambiente in cui viviamo. Un ruolo di primo piano, in questa battaglia, lo hanno indubbiamente le imprese agricole e agrituristiche, imprese che contribuiscono, con le loro produzioni, ma anche con una costante attività di cura e manutenzione, ad assicurare la tutela del territorio su cui insistono”, ha dichiarato Tulio Marcelli, Presidente di Coldiretti Toscana, nel presentare la partecipazione all’iniziativa. L’organizzazione agricola, impegnata in questo evento a fianco di Legambiente, offre la merenda ogm free ai volontari che si dedicano alla pulizia dell’ambiente nelle tre iniziative più importanti della regione; un piccolo gadget a tutti i partecipanti e un cofanetto di prodotti a km 0 per ringraziare gli amministratori che, aderendo all’iniziativa, dimostrano la loro sensibilità ambientale: “con l’auspicio – ha concluso il presidente Marcelli – che ripongano la medesima sensibilità nel promuovere la filiera corta e nel valorizzare i prodotti del territorio”.
L'ultima iniziativa di punta, organizzata per la domenica, sarà in Valdorcia: una grande festa per celebrare un territorio di grande pregio. “Anche se le amministrazioni locali della Comunità Montana Valdorcia hanno deciso di boicottare Puliamo il Mondo a causa della vertenza in atto su Monticchiello - spiega il presidente di Legambiente Toscana, Piero Baronti - Legambiente, che ama quei luoghi, si è organizzata con la cittadinanza locale per portare i berretti gialli anche lì”. L'appuntamento sarà per il 30 settembre alle 9.30, i circoli di Legambiente, i comitati del coordinamento di Asor Rosa e molti rappresentanti della società civile, delle forze economiche e delle organizzazioni agricole si ritroveranno nella celebre valle presso l'Agriturismo il Rigo, a San Quirico d'Orcia, alla presenza del presidente onorario di Legambiente Ermete Realacci. “Sarà un'inondazione – continua Baronti – i volontari in tutta la Toscana saranno migliaia. Soprattutto il 28 ed il 29, con le scuole, bambini e ragazzi armati di cappellino, pettorina, guanti e sacchi della spazzatura, ripuliranno molte località toscane sporcate dalla maleducazione e dall'incuria di chi non ha ancora imparato a portare rispetto per l'ambiente”. Continuano infatti ad essere i ragazzi i protagonisti di Puliamo il Mondo. Ancora alta infatti la partecipazione delle scuole, a testimonianza della crescente attenzione degli insegnanti nei confronti della sensibilizzazione e dell’educazione dei ragazzi al rispetto dell’ambiente. A Cerreto Guidi (FI) per esempio, venerdì 28 dalle 9.30, le scuole elementari e i volontari di Legambiente puliranno le strade pubbliche, per l’occasione chiuse al traffico, iniziativa per cui si rivela indispensabile il contributo delle amministrazioni locali e della protezione civile e di cui si auspica il ripetersi in molti altri Comuni, dato il grande quantitativo di rifiuti leggeri che si accumula sugli argini delle strade.
Anche a Reggello (FI) si coinvolgeranno le scuole, la mattina del 29 i ragazzi delle medie, a seguito di spiegazioni teoriche sulla protezione dell’ambiente, puliranno il territorio circostante ed il parco cittadino delle Lastre. L’Istituto comprensivo “Graziano da Chiusi” di Chiusi (Si) riunirà i ragazzi il 29 alle 10 con una passeggiata ecologica al lago ed una pulizia del sentiero che va da loc. “Lo Sbarchino” fino alla torre “Beccati Questo”. A Fucecchio (FI) le V elementari saranno coinvolte il 28, mentre il 30 cittadini e associazioni provvederanno alla pulizia dei boschi di Vedute e Galleno, terminando la mattinata con rinfresco al Parco Corsini.
Tra le iniziative rivolte a tutti spicca quella di Vecchiano (PI), che il 30, dalle 9:30 davanti alla Chiesa di San Ranieri pulirà il Viale dei Pini in località Migliarino come prima tappa per una “riqualificazione del sito da luogo di appuntamento per prostituzione ad area verde attrezzata”. Altro appuntamento che mira a rivalutare un'area, è quello di Pisa: il 29 mattina a Calabrone 5 Istituti (comprensivi e superiori), cittadini, autorità, wwf Pisa, Ente Parco e Legambiente Pisa adotteranno un tratto di spiaggia e duna di valore naturalistico, sinora fruita in modo distruttivo. Anche a Montignoso (MS) i volontari di Legambiente, dell'A.C. Ricortola e gli scout dello CNGEI, si occuperanno della pulizia e della valorizzazione di un tratto dell’ecosistema costiero fra Ricortola e la Partaccia. Speciale anche la manifestazione Puliamo il Buio, organizzata dal Parco delle Alpi Apuane presso l'Antro del Corchia. “Aderendo a Puliamo il Mondo, il Parco delle Apuane ha voluto porre l'attenzione su un problema che oggi affligge il maggiore sistema carsico europeo. - dichiara Giuseppe Nardini, Presidente del Parco delle Alpi Apuane - L'iniziativa infatti prevede la pulizia dell'Antro del Corchia, la grotta più visitata nel panorama italiano, che può vantare 177 anni di esplorazioni ma che purtroppo oggi soffre a causa di consistenti infiltrazioni, negli anfratti non fruibili, di olii di cava e di marmettola. La Società Speleologica Italiana si occupa di rimuovere solitamente questo genere di rifiuti, ma per una giornata di testimonianza come quella che organizzeremo il i volontari si occuperanno di togliere i rifiuti comuni, purtroppo numerosi dal momento che le grotte sono ancora viste come discarica abusiva. Dispiace particolarmente questa situazione se si pensa alle risorse idriche: con i problemi climatici di oggi e la penuria d'acqua conseguente, le Alpi Apuane, che sono uno dei maggiori serbatoi idrici della Toscana, dovrebbero meritare maggior rispetto. Inquinare la falda acquifera soltanto perché non si riflette su ciò che può esserci al di sotto del buco è un danno incalcolabile”. Tra i Comuni che si sono attivati al completo per la tre giorni vanno ricordati Calenzano (Fi) e San Gimignano (SI). Il Comune di Calenzano oltre alle consuete operazioni di pulizia ha organizzato una vera e propria festa dell'ambiente, ha allestito mostre per la campagna di promozione del mezzo pubblico, per le tecnologie per l'edilizia sostenibile ed i biomateriali, promosso un convegno sui cambiamenti climatici, una prova di Eco – Orienteering, una biciclettata, degustazioni ed approfondimenti sull'alimentazione biologica in collaborazione con AIAB e un mercato biologico e una fattoria didattica valorizzando l'antico borgo medievale di Calenzano Alto. A S. Gimignano invece la pulizia coinvolgerà le elementari il venerdì, le medie il sabato e la cittadinanza intera, che si dedicherà alla pulizia delle parti boschive, la domenica.

L'Ufficio Stampa di Legambiente Toscana 055/6810330

Torna ai comunicati stampa