18/06/2008 - Viareggio: dune, yucche e polemiche. Legambiente e WWF puntualizzano 


Sì AL PROGETTO DI RESTAURO AMBIENTALE DELLE DUNE DEL PARCO DI MIGLIARINO, NO A POLEMICHE INUTILI E STERILI!

LEGAMBIENTE E WWF PUNTUALIZZANO


Dall’inizio dello scorso anno l’Ente Parco sta realizzando un impegnativo progetto di restauro ambientale delle dune da Viareggio a Marina di Vecchiano. Insieme ai cantieri, si erano subito aperte le polemiche di Italia Nostra di Viareggio: una pioggia di critiche, denunce e comunicati.

Le dune sono l’habitat naturale più minacciato a livello nazionale e europeo, distrutto per oltre il 90% da edifici, parcheggi, strade, stabilimenti balneari.

Il Parco ospita da Viareggio a Calambrone uno dei più importanti sistemi di dune dell’intera penisola italiana, con specie rare e con preziosi endemismi vegetali: piante cioè che in tutto il mondo crescono solo in questo tratto di costa.

Il progetto di restauro, finanziato da Unione Europea, Parco, Regione e Enti locali, è rivolto proprio alla salvaguardia di queste caratteristiche uniche. Ha avuto l’approvazione di Università, comuni e province e delle principali associazioni ambientaliste, ed ha superato in fase di attuazione i controlli dell’Unione Europea.

Nessuno vuole una forzata unanimità, e sono legittimi ulteriori controlli e spirito critico.

Notiamo però che questo tipo di spirito critico, non ammette confronti e discussioni. Viene ripetuto da mesi lo stesso motivo, come un disco rotto; si preferirebbe la tutela di specie da giardino come la Yucca rispetto a quelle endemiche; di specie invasive come l’Amorpha rispetto a quelle autoctone. Si preferirebbe l’immobilismo che porterebbe alla riduzione della biodiversità locale, risorsa per la quale il Parco è stato istituito.

E’ difficile capire perché si attacca il Parco proprio quando questo mette in campo attività di conservazione della Natura: sarebbe meglio conservare un po’ di questo accanimento, per utilizzarlo ogni volta che una duna viene spianata o cementificata distruggendola per sempre, ogni volta che viene presentato un progetto che prevede di ridurre aree forestali e dunali a ambienti artificiali e urbanizzati.

W.W.F. Toscana - Legambiente Toscana


Torna ai comunicati stampa