17/11/2008 - Pendolaria: Legambiente chiede il raddoppio sulla Empoli-Siena e per la Pistoia-Viareggio 

Empoli,17 novembre 2008 Comunicato stampa

Pendolaria: continua la mobilitazione di Legambiente per il trasporto su ferro.
Oggi Legambiente, il Circondario Empolese Valdelsa e l'On. Realacci
hanno evidenziato le carenze della linea che collega Empoli a Siena.
Parola d'ordine "Raddoppio"!


La domanda pendolare cresce e le risorse vanno a strade e autostrade.
Sono anni che non si investe massicciamente in rotaie per il servizio universale.
Mutamenti climatici e crisi economica impongono di invertire la tendenza.

Lo sanno tutti che il trasporto pendolare soffre di gravi carenze ma gli investimenti pubblici destinati ad infrastrutture vanno soprattutto a strade e autostrade. Il 70% delle risorse stanziate attraverso la Legge Obiettivo dal 2002 ad oggi è andato verso queste due voci. Legambiente da anni si mobilita a fianco dei pendolari per chiedere una vera incentivazione del trasporto pubblico, senza il quale il raggiungimento degli obiettivi di Kyoto o del 20-20-20 sarebbe impensabile.

Agevolare il TPL, dice Legambiente, significa anche agevolare i cittadini ad arrivare a fine mese: secondo una elaborazione del Censis la spesa annua del pendolare che si muove in auto è 4 volte superiore a quella di chi si muove con il servizio pubblico ed il 70% di chi non utilizza attualmente il treno è disponibile a cambiare abitudini e ad utilizzarlo regolarmente in caso di miglioramento del servizio.

Ecco allora che Legambiente, in tutta Italia, si mobilita per il rilancio del trasporto ferroviario locale con la campagna Pendolaria. In Toscana incontri pubblici e lancio di vertenze e proposte locali per migliorare il servizio. Il primo appuntamento, mercoledì scorso, ha chiesto il raddoppio della linea tra Pistoia e Viareggio, sabato a Empoli, poi, all'assemblea regionale dei circoli di Legambiente si è parlato di trasporto pubblico locale con i pendolari della zona. Oggi presso la sede del Circondario Empolese Valdelsa, per chiedere interventi per il potenziamento ed il raddoppio della linea ferroviaria Empoli-Siena, si sono riuniti Piero Baronti presidente di Legambiente Toscana, l'On Ermete Realacci ministro dell'ambiente del governo ombra del PD e presidente onorario di Legambiente, Luciana Cappelli, Sindaco di Empoli e presidente del Circondario, Alfiero Ciampolini, che ne è il direttore, Dario Parrini, Sindaco di Vinci e responsabile trasporti per il Circondario e Andrea Pini, rappresentante del Comitato pendolari Valdelsa Fiorentina e Senese.

"Sono anni che non si investe massicciamente per aumentare i km di rotaia per il trasporto universale. Gran parte dell'attuale rete è stata realizzata ormai un secolo fa - ha dichiarato il presidente di Legambiente Toscana Piero Baronti - Da allora, per i treni, solo alcuni ammodernamenti e linee ad Alta Velocità, che però non servono ai pendolari. I maggiori investimenti per infrastrutture hanno invece riguardato strade e autostrade, la cui rete è enormemente aumentata nell'ultimo secolo. É ora che si investa di nuovo nelle infrastrutture rotabili utili alla gente comune, in particolare si raddoppino le frequentate tratte toscane tra Pistoia e Viareggio ed Empoli e Siena".

"Ora si annunciano tagli in tutta Italia ai treni pendolari esistenti e sono assolutamente insufficienti i fondi stanziati dal governo sia per il trasporto pubblico locale che per nuove tramvie e metropolitane - ha continuato l'On Realacci - La crisi economica, inoltre, sta spingendo i cittadini a ridurre l'uso dell'automobile producendo una domanda aggiuntiva di trasporto pubblico cui non si è preparati e che, quindi, peggiorerà ulteriormente la qualità del servizio. E’ necessario potenziare il trasporto pubblico locale per offrire un servizio migliore ai cittadini, per ridurre le emissioni di CO2 e i consumi energetici connessi al trasporto privato su gomma e in questo modo combattere i mutamenti climatici".

Con Pendolaria, in Valdelsa, Legambiente ha deciso di sollevare i problemi della Empoli-Siena, ferrovia risalente alla metà del XIX secolo e che rispetto ad allora vanta soltanto il raddoppio dei binari tra Granaiolo e Certaldo prima e tra Certaldo e Poggibonsi poi e qualche piccolo intervento di ammodernamento. Dopo oltre 150 anni dalla posa del primo binario, però, la "Ferrovia della Toscana Centrale" meriterebbe il raddoppio totale dei binari.

Oltre all'opportunità di procedere in tempi rapidi al piano di raddoppio, soprattutto nella tratta Granaiolo-Empoli, 11 km adesso a binario unico che comprendono al loro interno la stazione di Ponte a Elsa e ben 12 passaggi a livello anche su strade assai trafficate e pericolose, come la statale 429, la situazione dei cittadini dell'Empolese-Valdelsa potrebbe di molto cambiare anche se si apportasse una miglioria di minore entità sulla linea: "Alla stazione di Granaiolo - ha commentato Andrea Pini, del Comitato pendolari Valdelsa - che vede transitare tutti i giorni da Siena a Empoli 31 treni, dove si passa dal binario doppio al binario singolo, lo scambio di uscita dalla stazione di Granaiolo lato Empoli è rimasto a 60 km/h, mentre poteva essere portato con una spesa modesta a 100 km/h, senza costringere tutti i treni diretti Siena-Firenze a rallentare da 110 km/h a 60 km/h".

“La ferrovia è un elemento fondamentale per il sistema dei collegamenti del Circondario. Dopo il potenziamento della tratta Empoli-Firenze, con l’arrivo imminente della nuova metropolitana di superficie – ha detto Luciana Cappelli, Sindaco di Empoli e presidente del Circondario Empolese Valdelsa – ora è arrivato il momento di investire sulla direttrice di Siena, per venire incontro alle domanda dei pendolari che transitano da Empoli, la quarta stazione ferroviaria della Toscana. Una direttrice fondamentale che ha bisogno di infrastrutture moderne ed efficienti, peraltro vede una priorità nel Patto per lo sviluppo locale di area metropolitana”. "Condividiamo, come istituzione circondariale e come Sindaci dei Comuni dell'area, l'idea di potenziare i collegamenti sulla Empoli-Siena, importante direttrice del traffico ferroviario - ha dichiarato il delegato del Circondario ai Trasporti Dario Parrini - Si tratterebbe di completare così l'intervento che ha visto rafforzare i collegamenti con Firenze e Pisa e coronerebbe lo sforzo sostenuto per aumentare l'uso del mezzo pubblico a fronte di quello privato. Ad incoraggiarci in questa direzione vi è il fatto che parallelamente all'aumento del servizio, anche il numero dei pendolari è aumentato. É con questa speranza che ci associamo all'iniziativa".


Firenze,17 novembre 2008 Comunicato stampa

Oggi a Pistoia conferenza nazionale su infrastrutture e industria ferroviaria.


Lucca ancora a binario unico. Semi-delusa Legambiente, che con la campagna Pendolaria aveva raccolto firme per il
potenziamento del trasporto pubblico locale
volantinando per il raddoppio della Firenze-Viareggio

.
Opera importante tra Pistoia e Montecatini e significativo l'impegno della Regione Toscana,
ma si sta parlando di raddoppiare solo 15 chilometri di binari.
Occorre che il Governo consideri strategico il trasporto pendolare.

L'annunciata firma per il finanziamento del raddoppio della Pistoia-Montecatini è arrivata questa mattina alla Conferenza nazionale su infrastrutture e industria ferroviaria organizzata a Pistoia da Assindustria. Notizia di per sé positiva per tutti i pendolari che utilizzano il treno lungo quella tratta e sulla Firenze-Viareggio più in generale. La notizia negativa però arriva contestualmente: su Lucca nessuno stanziamento all'orizzonte, se non per alcuni interventi di "ammodernamento e velocizzazione". Inoltre tra Lucca e Viareggio nessuna ipotesi di raddoppio. Perchè? Perchè solo per il raddoppio tra Montecatini-Lucca vanno trovati 374 milioni di euro.

"Se per trovare i 100 milioni di euro che servono a raddoppiare i binari tra Pistoia e Montecatini ci hanno messo 10 anni, le speranze nel futuro non sono proprio rosee - ha dichiarato Antonio Sessa, presidente del Circolo Legambiente Pistoia - È da aggiungere che dei 100 milioni di euro stanziati oggi, il 20% sarà dedicato alla rimozione di passaggi a livello, interventi sicuramente importanti per migliorare la qualità della vita di chi abita in Valdinievole, ma tesi soprattutto a risolvere la situazione del trasporto su gomma. Certo, la firma del protocollo questa mattina è un bel passo avanti, ma adesso sbrighiamoci a trovare le altre risorse: 15 km di binari in più ed i raddrizzamenti delle curve tra Montecatini e Lucca sono utili, ma la svolta arriva se si riesce a chiudere il cerchio e quindi ad arrivare a Viareggio con il doppio binario".

"Quella che occorre è una scelta precisa a livello centrale. É il Governo che, differentemente da quanto sostenuto finora, deve spingere e stanziare fondi per avvantaggiare i treni del servizio universale piuttosto che le strade che servono utenze private - ha spiegato Guido Angelini, presidente del Circolo Legambiente Capannori e Piana Lucchese - 400 milioni di euro è la cifra che si prevede di spendere per la realizzazione degli assi viari nord-sud ed est-ovest nella piana di Lucca. Piuttosto che mettere interventi di questo tipo in concorrenza nel reperimento delle risorse e lasciare così opere incomplete che si trascinano nei decenni, si scelga subito un intervento prioritario. Per Legambiente la priorità, oggi più che mai, non è nè della terza corsia dell'autostrada nè degli assi viari della piana, ma il raddoppio del binario tra Montecatini-Lucca-Viareggio".

"Solo con un treno funzionante e veloce si può offrire la vera alternativa all'automobile - ha continuato Sessa - A che serve altrimenti andare da Roma a Firenze in 1 ora e trenta minuti se poi per dirigersi verso Viareggio la stessa ora e trenta non è sufficiente?"

Le istituzioni dovrebbero sapere che il treno danneggia meno l'ambiente del traffico veicolare, eppure sulla Firenze - Lucca i tempi di percorrenza sono sempre gli stessi da anni e se il raddoppio si fermerà a Montecatini non ci sarà molto da guadagnare. E ancora i cittadini preferiranno i bus quando non l'auto privata: da Lucca, via autostrada si arriva a Firenze in meno di un'ora, il treno invece impiega tra gli 80 e i 100 minuti.



Torna ai comunicati stampa