10/02/2010 - Rifiuti. Traffico illecito anche in Toscana - Legambiente: “Le mani dell’ecomafia sull’affare bonifiche”  

Rifiuti. Traffico illecito anche in Toscana

Legambiente: “Le mani dell’ecomafia sull’affare bonifiche”


"Questo traffico immondo di rifiuti è stato scoperto grazie alle intercettazionei telefoniche" - dichiara Piero Baronti, Presidente di Legambiente Toscana - " se andrà avanti la proposta del Governo di limitarle drasticamente sarà un regalo per le ecomafie. Quanto alla nostra Regione questa volta la Toscana registra un salto di qualità in negativo non solo per i rifiuti che dalla nostra regione vanno verso il meridione d' Italia ma anche per quelli illegali che da Bagnoli in Campania arrivano da noi" - conclude Piero Baronti.

Sulla questione interviene anche Sebastiano Venneri, Vicepresidente di Legambiente Nazionale che con queste parole commenta la notizia della vasta operazione condotta in molte regioni contro i trafficanti di rifiuti che ha portato oggi a numerosi arresti. “Se la movimentazione dei rifiuti prodotti dalle bonifiche dei siti industriali contaminati va ad aumentare il lucroso business delle ecomafie, è evidente la necessità di rivedere i meccanismi di gestione delle operazioni di recupero dei territori. Che senso ha intraprendere la bonifica di un sito se quei materiali vanno poi a finire nel nulla, aumentando la famosa montagna di rifiuti speciali che sfugge sistematicamente ai controlli per andare regolarmente ad intossicare un altro luogo?”

La normativa attuale sulla bonifica dei siti inquinati privilegia il trattamento sul posto per evitare la movimentazione dei rifiuti e lo smaltimento in siti distanti. In Italia invece, molte delle bonifiche (sia dei 57 siti nazionali che delle centinaia dei siti locali), continuano a prevedere spostamenti sostanziosi e difficilmente controllabili con il rischio concreto di contribuire a quell’enorme business illegale che soffoca e intossica il nostro paese.

Nonostante la crisi il business dei rifiuti continua infatti ad accrescere il suo fatturato: se nel 2007 il bottino della “Rifiuti spa” ammontava a 4 miliardi e mezzo di euro, nel 2008 la cifra ha superato i 7 miliardi. Sempre nel corso del 2008 sono state 3.911 le infrazioni (nel ciclo dei rifiuti) in Italia accertate dalle Forze dell’Ordine. 137 sono state le persone arrestate mentre ben 4.591 sono state quelle denunciate per un totale di 2.406 sequestri.

“Ci congratuliamo con il Noe per l’esito della complicata operazione – ha concluso Venneri – e ribadiamo che per contrastare efficacemente il traffico dei rifiuti c’è bisogno di molti e diversi strumenti: dell’uso delle intercettazioni telefoniche e dell’introduzione dei delitti ambientali nel Codice penale, ma anche di una modalità alternativa di risanamento dei siti inquinati. Così come avviene, per esempio, negli Stati Uniti con il Superfund (fondo nazionale per le bonifiche dei siti orfani) istituito già nel 1980”.

Katia Rosanna Rossi

L’ufficio stampa - Legambiente Toscana 0556810330


Torna ai comunicati stampa