Firenze, lì 2 maggio 2020

 

Al Presidente della Regione Toscana

Enrico Rossi

Al Sindaco di Piombino

Francesco Ferrari

 

Egregio Presidente, egregio Sindaco,

più volte sollecitati in questo senso da soci e cittadini, con la presente siamo a significare Loro la nostra più profonda preoccupazione per la mancata rimozione delle 56 ecoballe disperse ormai cinque anni fa dalla motonave Ivy al largo di Piombino, nei pressi dell’Isolotto di Cerboli, in pieno Parco Nazionale dell’Arcipelago Toscano e nel bel mezzo del Santuario dei Cetacei Pelagos. Ben 63.000 kg di plastiche eterogenee si stanno sfaldando, minacciando d’inquinare in modo irreversibile sia i fondali bassi del canale che tratti molto estesi di costa. Non crediamo di esagerare nel dire che si tratta potenzialmente di un disastro ambientale, così come codificato dalla Legge 68/2015.

Sappiamo inoltre che Lei, Presidente Rossi, il 4 marzo scorso, ha inviato una lettera al Capo della Protezione Civile Borrelli nella quale ha giustamente chiesto “lo stato di emergenza di rilievo nazionale, ai sensi dell’articolo 24 del D.Lgs. n.1/2018”. Lettera nella quale ha condiviso l’opportunità che ad essere individuato quale Commissario Straordinario per l’emergenza Cerboli fosse il contrammiraglio Aurelio Caligiore, sul quale però pende l’azione dell’Autorità garante della Concorrenza per potenziale conflitto di interessi.

Sappiamo, ancora, che Lei, Sindaco Ferrari, il 2 aprile scorso, ha inviato un’altra missiva al Capo della Protezione Civile e al Prefetto di Livorno Tomao per sollecitare un intervento urgente volto a recuperare il carico e per chiedere la continuità operativa dell’ufficio a suo tempo deputato allo scopo. Un intervento forte, che segue il Suo appello al Presidente della Repubblica Mattarella e al Presidente del Consiglio dei Ministri Conte alla fine di febbraio, su mandato dell’intero Consiglio Comunale della città di Piombino.

Ebbene, trascorso invano tutto questo tempo e nonostante le suddette lodevoli iniziative istituzionali, dall’Autorità garante della Concorrenza non ci risultano decisioni atte a chiudere il procedimento su Caligiore, né, tanto meno, ci pervengono notizie di provvedimenti che rimettano in moto il lavoro di ricerca e recupero delle ecoballe disperse.

Pienamente convinti dell’urgente necessità di un Commissario operativo, dotato di delega piena, e preoccupati per una stagione balneare già severamente messa a rischio dalla pandemia ma che rischia di essere azzerata dallo spiaggiamento continuo di rifiuti plastici, siamo pertanto a chiedere al Presidente Rossi e al Sindaco di Piombino: 1) se hanno poi ricevuto risposte alle loro lettere; 2) se risulta Loro siano stati presi provvedimenti da parte delle autorità interpellate, in particolare dal Governo; 3) e se, in ogni caso, non ritengano di dover intraprendere nuove iniziative istituzionali volte a risolvere questo spiacevole intrigo burocratico.

 

In attesa di un gentile riscontro, porgiamo i nostri più

Cordiali saluti.

Fausto Ferruzza, Presidente di Legambiente Toscana

Umberto Mazzantini, Responsabile Mare di Legambiente Toscana

Adriano Bruschi, Presidente di Legambiente Val di Cornia

 

 

Ufficio Stampa di Legambiente Toscana

ufficiostampa@legambientetoscana.it

You must be logged in to post a comment.